MABON SI APPRESTA , L’ULTIMO RACCOLTO DA FARE PRIMA DELL’INVERNO

CARI VIANDANTI ,
ULTIMAMENTE NON HO AVUTO MODO DI SCRIVERE ARTICOLI MA NON SONO STATA IN OZIO COME POTREBBE SEMBRARE.
IN COLLABORAZIONE CON ” TWS THE WITCH STAFF “, STO’ GIRANDO UNA SERIE DI VIDEO CHE ANDRANNO SU YOUTUBE SUL CANALE TWS PER LA RUBRICA: ERBORISTERIA MAGICA.
NON PERDETEVI I MIEI VIDEO .

VI SARANNO SIMPATICHE INDICAZIONI PER USARE AGILMENTE LE ERBE PER OGNI VOSTRO TIPO DI INCANTO .
VEDETELI COME DELLE AGILI GUIDE PRATICHE CHE VI DARANNO SPUNTO PER APPROFONDIRE SE VORRETE L’ ARGOMENTO .

TORNANDO A NOI , IN QUESTI GIORNI INIZIAMO GIA’ A PREPARARCI PER L’ARRIVO DI MABON , L’EQUINOZIO D’AUTUNNO.
CADE INTORNO AL 21 SETTEMBRE, NELLA TRADIZIONE DRUIDICA E’ DETTO ALFAN ELUED ( LUCE DELL’ACQUA).
LA LUCE DELL’ACQUA E’ DA INTENDERSI COME L’OCEANO COSMICO IN CUI IL SOLE SI IMMERGE SCENDENDO VERSO SUD .
ESSENDO UN MOMENTO DI PASSAGGIO , E’ UNO DI QUEI GIORNI DI POTERE DOVE I VELI TRA’ I MONDI SI ASSOTTIGLIANO .

IL NOME PIU’ CONOSCIUTO : MABON , DERIVA DAL GIOVANE DIO GALLESE MABON DERIVATO DAL DIO CELTICO MAPONOS, DIO GIOVANE DELLA CACCIA E DEL RACCOLTO.

I LEGIONARI ROMANI DI STANZA PRESSO IL VALLO DI ADRIANO AVEVANO PRESO AD ADORARLO COLLEGANDOLO AD APOLLO.
CIO’ E’ TESTIMONIATO DA ANTICHE ISCRIZIONI ROMANO-BRITANNICHE CHE RENDEVANO OMAGGIO AD APOLLO MAPONIUS.

QUESTO MOMENTO E’ MOLTO DELICATO .
C’E’ L’ULTIMO RACCOLTO DA PRENDERE E DA DIVIDERE CON TUTTI GLI ALTRI PER AFFRONTARE INSIEME I RIGORI DELL’INVERNO CHE SOPRAGGIUNGE E PER INGRAZIARSI IL FAVORE DEGLI DEI .
A LIVELLO ASTRONOMICO IL SOLE E’ ALL’EQUATORE MA IN SENSO INVERSO ALLA PRIMAVERA PER CUI SCENDE ALL’EQUATORE MERIDIONALE QUASI IN UNA SIMBOLICA DISCESA AGLI INFERI .

A QUESTA SIMBOLICA DISCESA DEL CIELO VERSO L’OSCURITA’, SI RICOLLEGA ANCHE IL MITO DI PERSEFONE COSTRETTA PER SEI MESI ALL’ANNO A SOGGIORNARE NEGLI INFERI AVENDO ACCETTATO DI MANGIARE I SEMI DI MELOGRANO OFFERTOGLI DAL DIO ADE CHE L’AVEVA RAPITA PER AVERLA IN SPOSA.
DEMETRA SECONDO IL MITO , DISPERATA SI RIFIUTO’ DI FAR SBOCCIARE FIORI E FAR CRESCERE FRUTTI FINCHE’ LA FIGLIA NON FOSSE TORNATA IN SUPERFICIE.
FU COSI ‘ CHE SECONDO IL MITO NACQUE L’INVERNO .

LA NATURA QUINDI RALLENTA LA CRESCITA DEI SUOI FRUTTI E LA TERRA DIVENTA BRULLA E SPOGLIA.
E’ IN QUESTO PERIODO DI FATTI SI CELEBRAVANO I MISTERI ELEUSINI DI PERSEFONE E SUA MADRE DEMETRA CON LE SPIGHE DI GRANO.

E’ QUINDI UN MOMENTO DI RALLENTAMENTO SIA DELLA NATURA CHE NOSTRO .
LE GIORNATE SI FANNO PIU’ CORTE.
IL CLIMA SI MODIFICA E DIVENTA PIU’ FRESCO .
LA NATURA SI ADEGUA, E ANCHE NOI DOBBIAMO ADATTARCI AL CAMBIO DI STAGIONE E RALLENTARE I RITMI PER RIPRENDERE SECONDO LE NUOVE NECESSITA’ DEL PERIODO.

OTTIMO DUNQUE PRENDERE QUESTO MOMENTO COME SPUNTO PER MEDITARE, RIFLETTERE SULLE COSE PASSARE , FARE BILANCI , RACCOGLIERE I FRUTTI DI CIO’ A CUI SI E’ LAVORATO PRECEDENTEMENTE, CONCLUDERE CIO’ CHE SI ERA INTRAPPRESO PRIMA E PREPARARSI PER L’IVERNO CHE ARRIVA CON ALTRI PROGETTI .

IL GIORNO DESIGNATO SOLITAMENTE COME IL VENTUNO SETTEMBRE E’ UNA COMODA CONVENZIONE MA IN REALTA’ IL GIORNO CAMBIA POICHE’ SI VERIFICA QUANDO IL SOLE SI INCROCIA CON L’ EQUATORE CELESTE MENTRE DISCENDE VERSO SUD E QUESTO MOMENTO VARIA OGNI ANNO .

I GRECI ADORAVANO IN QUESTA OCCASIONE IL DIO MITRA COLLEGANDOLO AL SOLE.
MITRA UNITO AL SOLE ERA IL CREATORE DEL COSMO E CIO’ ERA SIMBOLEGGIATO DA UN GLOBO POSTO NELLA SUA MANO .
EGLI ERA IL DEMIURGO CREATORE MA AVEVA ANCHE LA FUNZIONE DI MEDIATORE TRA’ LUCE ED OMBRA, TANT’ E’ CHE NEI MITREI VENIVA RAFFIGURATO CON ACCANTO DUE PORTATORI DI FIACCOLE CHE POSTE UNA IN ALTO E L’ALTRA IN BASSO SIMBOLEGGIAVANO L’ASPETTO LUMINOSO GIOVANE E PRIMAVERILE DI MITRA , E L’ALTRO , L’ASPETTO TRISTE , VECCHIO ,AUTUNNALE E TENEBROSO DEL DIO .

IN QUESTA FESTIVITA’ LE DIVINITA’ DA OMAGGIARE SONO : PERSEFONE , DEMETRA , ECATE, MABON, MITRA.

I SIMBOLI DI MABON SONO :
-L’UVA SIMBOLO DI TRASFORMAZIONE SPIRITUALE ( LA FERMENTAZIONE DELL’UVA INIZIA AL BUOIO DELLA BOTTA E DA UVA NASCE IL VINO )
-IL CIGNO SIMBOLI DI IMMORTALITA’ E GUIDA DELLE ANIME NELL’ALDILA’
-LA MORA SELVATICA DA OFFRIRE ALLA TERRA
-LA BAMBOLA DI GRANO DA FARE CON LE SPIGHE DELL’ULTIMO COVONE DA OFFRIRE SEMPRE PER PROPIZIARE IL RACCOLTO SUCCESSIVO .

E’ UN MOMENTO DI CAMBIAMENTO INTERIORE QUINDI TUTTO CIO’ CHE ORA VA INTERRATO , AL BUIO , MUORE , POI RICOMPARIRA’ , RINASCERA’ E SBOCCERA’ A YULE.

PER FESTEGGIARE QUESTA FESTA POTETE:

-ORGANIZZARE UNA BELLA CENA CON I VOSTRI AMICI.
-APPARECCHIARE LA TAVOLA CON COLORI AUTUNNALI CALDI , MARRONE ARANCIONE GIALLO.
-DECORARE LA CASA CON LE FOGLIE CADUTE DAGLI ALBERI
-PORRE MELOGRANI E PIGNE IN CASA COME AUSPICIO DI BENESSERE E PROSPERITA’.
-USARE CANDELE ROSSE GIALLE O ARANCIO SIA PER L’ALTARE CHE PER DECORARE LA CASA.
-USARE FRUTTA SECCA COME NOCI SIA PER IL DECORO CHE IN CUCINA NELLE RICETTE-
-CUCINARE RICETTE A BASE DI UVA SIMBOLO DI TRASFORMAZIONE, O DI PATATE , ZUCCHINE , FAGIOLI , CAROTE , CIPOLLE,TUTTI VEGETALI CHE NASCONO NEL BUIO DELLA TERRA.
-FARE RICETTE TIPO FOCACCE , TORTE DI MELE E PANE ALLE NOCI USANDO IL GRANO .
-BRINDARE CON DEL BUON VINO .
-VESTIRSI DI ROSSO , BORDEAUX E ORO O DECORARE LA CASA O L’ALTARE CON QUESTI COLORI .

INCENSO PER MABON:
COMPONETELO UNENDO IN PARTI UGUALI : MIRRA, BENZOINO , SALVIA , PETALI DI ROSE.
LAVORATE IL TUTTO FINEMENTO DANDOGLI DI OLIO DI GOMITO CON IL MORTAIO E IL PESTELLO.
A POLVERE OTTENUTA PIU’ O MENO FINE A SECONDA DI QUANTO VI SARETE APPLICATI , PONETE L’INCENSO IN UN BEL BARATTOLINO E CHIUDETELO BENE ,BRUCERETE IL COMPOSTO SUL CARBONCINO NELL’APPOSITO TURIBOLO DURANTE LA CELEBRAZIONE DEI VOSTRI RITI PER MABON.

SE VOLETE FARE L’INCENSO IN PALLINE, UNITE UN’ PO’ DI VINO ROSSO O DI ACQUA AL COMPOSTO , FORMATE DELLE PALLINE TRA’ LE DITA E LASCIATELE AD ASCIUGARE NATURALMENTE AL SOLE.

AL POSTO DEI PETALI DI ROSE SE LO TROVATE POTETE METTERE ANCHE L’IBISCO MA IO PREFERISCO I PETALI DI ROSA.

UN ‘ALTRA COSA CHE MI PIACE FARE PER MABON E’ LA SCHIACCIATA FIORENTINA ALL’UVA.

MA QUEST’ANNO HO DECISO CHE FARO’ IL PAN DI SABA DETTO ANCHE SAPA ( IL MOSTO D’UVA) .
UN DOLCE SECONDO ALCUNI NATO NEI MONASTERI E TIPICO DELLA PASTICCERIA SARDA CHE ADORO , VIENE FATTO CON L’AGGIUNTA DI MOSTO D’UVA ALL’IMPASTO .

L’HO MANGIATO IN SARDEGNA E VI ASSICURO CHE E’ BUONISSIMO .
IL MOSTO D’UVA NON E’ FACILE DA TROVARE E HA UN SUO COSTO MA VALE LA PENA PER GUSTARE QUESTO DOLCE.
SE QUALCUNO LO VUOLE PROVARE VI LASCIO QUI IL LINK.

Pane di sapa

FELICE MABON DA KYRA.

Tag:, ,